Eccezionale intervento in Urologia con il Robot: asportati cinque organi colpiti da tumore

Eccezionale intervento in Urologia con il Robot: asportati cinque organi colpiti da tumore

(AGI) – Cagliari, 15 dic. – E’ la chirurgia robotica la nuova frontiera per la cura dei tumori ed e’ la Sardegna a fare da apripista per le tecniche di avanguardia in questo campo. La scorsa settimana all’ospedale Brotzu di Cagliari e’ stato effettuato un eccezionale intervento, il primo di questo genere in Italia ed Europa, che ha consentito di asportare su uno stesso paziente cinque organi affetti da neoplasia con una tecnica mini-invasiva. A dirigere il delicato intervento nella sala operatoria di Urologia robotica e’ stata l’equipe coordinata dal dottor Mauro Frongia che in poche ore ha concluso con successo l’operazione. Il paziente, di 67 anni, ha riportato una piccola ferita lunga solo sei centimetri, ha potuto alzarsi dal letto il giorno dopo ed e’ stato dimesso in pochi giorni. “Il quadro clinico del paziente risultava molto complesso”, ha spiegato Frongia: “Era arrivato in reparto per un tumore alla vescica ma dagli accertamenti abbiamo riscontrato la presenza di neoplasie anche al rene e al surrene sinistro, all’uretere e alla prostata”. Con la chirurgia ‘a cielo aperto’, come ha sottolineato il chirurgo, l’intervento sarebbe stato molto piu’ rischioso e avrebbe comportato un danno importante ai tessuti e un decorso post operatorio lungo e doloroso. “Si tratta del primo caso in cui la chirurgia robotica e’ stata utilizzata per un quadro clinico cosi’ complesso”, ha ribadito il direttore della struttura di urologia robotica del Brotzu, che con questa tecnologia effettua anche interventi di trapianto di rene.

Guarda il servizio di Videolina

L’eggi l’articolo su Tgcom

Leggi l’articolo dell’Ansa

Leggi l’articolo su urbanpost

Leggi Articolo Nuova Sardegna

Leggi l’articolo su cagliaripad

Leggi l’articolo su tiscali

Leggi l’articolo su centrometeoitaliano

 

GUARDA IL VIDEO DELL’INTERVENTO